martedì, Ottobre 27

Mese: Luglio 2020

La legge contro l’omofobia e la transfobia è un’ideologia?
Attualità e Politica, LGBTQ+

La legge contro l’omofobia e la transfobia è un’ideologia?

Ultimamente si sta discutendo di un prezioso disegno di legge presentato alle camere il 26 marzo 2019 che tutela gli omosessuali e i transessuali contro ogni forma di discriminazione. Tale provvedimento ha determinato pareri contrastanti, in politica (dal parte dell'opposizione) e non solo, ma perché? Il disegno di legge in questione ha per oggetto: Modifiche agli articoli 604-bis e 604-ter del codice penale e istituzione della Giornata nazionale contro l’omotransfobia nonché dei centri antiviolenza per le vittime di omofobia e trans fobiaIn particolar modo le modifiche apportate agli articoli 604-bis e 604-ter del codice penale sono relative alla sostituzione della parola«o re­ligiosi» con le seguenti: «religiosi o fondati sull’o­mofobia o sulla transfobia» In merito a tale dis...
Svolta alla Corte Costituzionale: tre firmatarie donne
Attualità e Politica

Svolta alla Corte Costituzionale: tre firmatarie donne

L'ultima sentenza della Corte Costituzionale, vede le firme di tre donne. Dopo 72 anni di storia, questa è la prima volta che accade. Il 16 luglio è stata depositata la sentenza 150/2020 della Corte Costituzionale che: dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 4 del decreto legislativo 4 marzo 2015 [...] limitatamente alle parole «di importo pari a una mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del trattamento di fine rapporto per ogni anno di servizio». Le firmatarie sono: Marta Cartabia: Presidente, Silvana Sciarra: Redattore, Filomena Perrone: Cancelliere La sentenza che passerà alla storia Questa sentenza, oltre a dichiarare l’illegittimità costituzionale dell’articolo 4 del Jobs Act voluto dall’allora presidente del consiglio Matteo Renzi...
Il fantasma del politicamente corretto e l’ostruzionismo
Attualità e Politica

Il fantasma del politicamente corretto e l’ostruzionismo

Negli ultimi mesi ne abbiamo viste di tutti i colori: personaggi che si lamentavano di essere stati "cancellati" dal femminismo, quando i loro tweet erano in trending topic e un'intera schiera di personaggi noti era tempestivamente intervenuta per difendere la loro "libertà violata" da parte del mostro del politicamente corretto, della dittatura morale, del nazifemminismo e così via. Una sorta di "Bibbiano" della sinistra, la tutela della libertà di parola a discapito di chi quella parola la subisce. La dittatura del politicamente corretto Persone con le spalle al muro che non sanno più come mascherare il loro disimpegno sociale, la loro non-voglia di fare almeno finta che esistano anche altre persone all'infuori della loro categoria, e puntano su un vittimismo patetico, egoista, c...
Breonna Taylor: già non è più trend?
Antirazzismo, Attualità e Politica

Breonna Taylor: già non è più trend?

Avrete sicuramente sentito parlare, lo scorso mese, del caso Breonna Taylor, la ventiseienne americana uccisa il 13 marzo dalla polizia, nella sua stessa casa. Omicidio di Breonna Taylor: La polizia e Kenneth Walker La notte del 13 marzo, gli ufficiali penetrarono nella casa dei Taylor per mezzo di un ariete, giustificando tale atto dicendo che la famiglia fosse stata avvisata del loro arrivo, nonostante non ci sia nessuno a testimoniarlo e i vicini di casa neghino questa versione. Il fidanzato di Breonna, Kenenth Walker, chiamò il 911 credendo si trattasse di ladri e iniziò a sparare. In risposta agli spari di Walker, la polizia cominciò a sparare all'impazzata più di 20 colpi. Doveva essere una perquisizione dovuta a un presunto traffico di droga, ma nessuna droga fu trovata nell...
Cancel Culture: cos’è e cosa non va in essa
EqualityLAB

Cancel Culture: cos’è e cosa non va in essa

Cos'è la Cancel Culture? Si definisce Cancel Culture (in italiano, ma suona male, "cultura della cancellazione") la causa per cui, spesso, un personaggio o azienda, si ritrova vittima di un boicottaggio di massa per un'azione sbagliata commessa da tale personaggio o da altri associati ad esso. Quest'anno, la Cancel Culture si è sprecata: Doja Cat, JK Rowling, Via Col Vento, Split, Captain America Indro Montanelli... la lista è ancora lunga. Della Rowling, poi, ne ho già parlato qui, dicendo anche la mia su questa "cultura della cancellazione". Ma ALT!! Teorici della dittatura del politically correct che agiscono in nome della libertà universale di opinione (intesa come libertà di discriminare e dire le peggio porcate), non fomentatevi troppo. Perché io, la cultura della cancella...
Nipsey Hussle: il rapper che denunciò il patriarcato
Intrattenimento, Musica

Nipsey Hussle: il rapper che denunciò il patriarcato

Sembra quasi un ossimoro, una barzelletta. Vedere una persona come Nipsey Hussle, che fa parte di un mondo ancora oggi sessista come quello del Rap americano, denunciare l'orrore del patriarcato. Non conoscevo Nipsey fino a qualche anno fa, ma è bastato un cameo di qualche minuto per farlo balzare dalla sezione "Perfetti Sconosciuti" al Cielo Primo Mobile della mia Tier List musicale. Nipsey poteva sembrare, a primo impatto, rispecchiare il classico stereotipo del rapper americano: il modo di vestire, di parlare. Lo stile "ghetto" che ha contraddistinto decenni di storia della musica. Nonostante si stia parlando di un mondo molto particolare, dove l'orrore del razzismo sistemico e la condizione sociale inadeguata degli afroamericani sono molto sentite, purtroppo bisogna anche dire che...
EqualiLab ha bisogno del tuo aiuto per il prossimo anno. Scopri come supportarci.
Holler Box

Iscriviti alla Newsletter

Holler Box